Passa ai contenuti principali

Dissipatio H.G.


"Quello che per ogni altro sarebbe l'oceano della negazione, un orrore totale, io ci galleggio sopra in una barchetta di carta. Costruita con poche, mediocri, qua e là ironiche, idee generali."
Guido Morselli, Dissipatio H.G.

"Avrai perso metà di te e del mondo, ma l'altra metà rimasta sarà mille volte più profonda e preziosa. E tu pure vorrai che tutto sia dimezzato e straziato a tua immagine, perché bellezza e sapienza e giustizia ci sono solo in ciò che è fatto a brani."
Italo Calvino, Il visconte dimezzato

"Con la modernità, in cui non smettiamo di accumulare, di aggiungere, di rilanciare, abbiamo disimparato che è la sottrazione a dare la forza, che dall’assenza nasce la potenza. E per il fatto di non essere più capaci di affrontare la padronanza simbolica dell'assenza, oggi siamo immersi nell'illusione inversa, quella, disincantata, della proliferazione degli schermi e delle immagini"
Jean Baudrillard, Il delitto perfetto. La televisione ha ucciso la realtà




      In un breve racconto de L'Artefice, opera dello scrittore argentino Jorge Luis Borges, si parla di un impero che creò una mappa così dettagliata da essere grande quanto lo stesso impero. Una mappa così fatta, tuttavia, non può che sancire la fine stessa dell'impero, in quanto lo rende non più rappresentabile.

       Questa è soltanto una delle tante interpretazioni di tale racconto; riveste notevole interesse il punto di vista che offrì Jean Baudrillard, filosofo e accademico francese, secondo il quale le persone vivono nella mappa in una sorta di simulazione della realtà, dove la gente dell'impero passa la vita garantendo che, il loro posto nella rappresentazione, sia circoscritto e dettagliato dai cartografi.

       In questo modo la stessa realtà è destinata inevitabilmente a sgretolarsi a causa del disuso, si dissolve, in quanto ciò che non si usa non può che subire un processo di atrofizzazione e di perdita. Baudrillard continua dicendo che il passaggio da segni che nascondono qualcosa a segni che nascondono che non esiste più nulla da nascondere è una svolta decisiva, in quanto si inaugura una era di simulacri e di simulazioni dove non c'è più nessun dio a riconoscere il proprio sé e non c'è più alcun giudizio per separare la verità dal falso o il reale dalla sua resurrezione artificiale, poiché tutto è già morto e risorto in anticipo. Amen.



Ti potrebbe anche interessare:
Demoni
Filosofia del mare
Problemi di sintonia

Commenti

Post popolari in questo blog

Problemi di sintonia

Sei amato solo dove puoi mostrarti debole senza provocare in risposta la forza. Theodore W. Adorno Ho sentito dire che a New York, all'angolo della XXVI strada e di Broadway, nei mesi invernali, ogni sera, c'è un uomo e ai senzatetto che si redunano pregando i passanti, procura un giaciglio per la notte. Con questo il mondo non cambia, le relazioni fra gli uomini non migliorano, l'epoca dello sfruttamento non è per questo più vicina alla fine. Ma a qualcuno non manca un giaciglio per la notte, il vento viene tenuto lontano da loro per una notte, la neve destinata a loro cade sopra la strada. Non deporre il libro che tu leggi, uomo. A qualcuno non manca un giaciglio per la notte, il vento viene tenuto lontano da loro per una notte, la neve destinata a loro cade sopra la strada. Ma con questo il mondo non cambia, le relazioni fra gli uomini non migliorano, l'epoca dello sfruttamento non è per questo più vicina alla fine. Bertolt Brecht       Tra le

Filosofia del mare

"Il mare e la filosofia condividono lo stesso movimento: incarnano la vita, le indicano una rotta." Cécile Guérard, Piccola filosofia del mare "Da dove vengono le più alte montagne? Così ho chiesto un giorno. E ho appreso che vengono dal mare." Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra       Occorre essere lucidi, liberi da ogni pensiero ingombrante, se si vuole evitare un naufragio in quei pochi istanti del videoclip dove si è in mare, dove il mare, mutato e silenzioso, si sottrae allo sguardo da terra e da cielo .       Qui, viceversa, lungo la riva o sospesi in più elevate visioni, il fragore delle onde, diviene emblema di affollati pensieri, frattura e discontinuità, ma anche una sorta di affrancamento da possibili finalità o di evoluzioni del sapere .       In occasione di un'intervista, il filosofo Michel Foucault descrisse lo spostamento della ricerca filosofica dal senso dell'essere al sistema , inteso come insieme di relazioni, ris

Il panorama dell'imperatore

"...una mesta atmosfera d'addio permeava le montagne dalla vetta ai piedi, le città con le loro lucenti finestre, le stazioni con il loro fumo giallo, i vigneti fin nella più piccola foglia. E io mi convincevo (per la seconda volta, dopo averne già avuto quasi regolarmente sentore fin dalla prima immagine) che per quella volta era impossibile sfruttare appieno tali meraviglie in quell'unica seduta." W. Benjamin, Infanzia berlinese       L'intenso, dolce e nostalgico frammento di Benjamin sul Kaiserpanorama , dispositivo ottico, precursore del cinema, che attraverso un paio di lenti mostrava un numero di diapositive di vetro stereoscopiche rotanti, offre l'occasione per qualche nuova ed ulteriore riflessione sul tema degli oggetti fotografici animati , già introdotti nelle pagine di questo blog.       C'è, infatti, un'idea di fondo che attraversa alcune delle clip realizzate e che si basa su una sorta di decostruttivismo dell'immagine fotog