Passa ai contenuti principali

Post

Animated Photo (Su)bjects

"Io ero la radice del castagno. O meglio io ero, tutt'intero, la coscienza della sua esistenza. Ancora staccato da essa -poiché ne avevo coscienza- e tuttavia perduto in essa, nient'altro che essa. Una coscienza a disagio e che tuttavia si lasciava andare con tutto il peso, in equilibrio instabile, su quel pezzo di legno inerte. Il tempo s'era fermato: una piccola pozza nera ai miei piedi; era impossibile che venisse qualcosa dopo quel momento li. Avrei voluto strapparmi a quell'atroce godimento, ma non pensavo nemmeno che ciò fosse possibile; ci ero dentro; il ceppo nero non passava, mi restava li, negli occhi, come un boccone troppo grosso resta di traverso in una gola." Jean Paul Sartre        Animated Photo (Su)bjects , sintesi e reinterpretazione di alcuni post precedenti, è un cortometraggio in sette movimenti sul tema delle illusioni e delle fantasie visive. Dopo aver presentato un insieme di frammenti [Atto 1°] , si
Post recenti

Dodici studi per pianoforte Op. 25

"Le opere di Chopin sono cannoni sepolti sotto i fiori." Robert Schumann "Come mi riesce difficile vedere ciò che è davanti ai miei occhi!" Ludwig Wittgenstein       Robert Schumann battezzò lo studio Opera 25 n. 1 di Fryderyk Chopin "Arpa Eolia", queste le parole lasciateci da Schumann: "S'immagini un'arpa eolia che abbia tutte le gamme sonore e che la mano d'un artista le mescoli in ogni sorta d'arabeschi fantastici, in modo però da udire sempre un suono grave fondamentale e una morbida nota alta; s'avrà così press'a poco un'immagine del modo di sonare di Chopin."       Questo studio popolare ed evocativo, perfetto binomio fra tecnica e musicalità, caratterizzato da un errante virtuosismo pianistico, rende anche più intuitivo vedere ciò che è davanti ai nostri occhi . Costituisce, infine, una sfida ulteriore: cercare una traduzione visiva per le sue numerose strutture musicali e figurative, aprendoci gli occ

Mirmecopolka o sulla "Condizione Umana III"

"Un lavoro artistico di successo non è quello che risolve le contraddizioni in una armonia spuria, ma quello che esprime l’idea di armonia negativamente con l’incorporare le contraddizioni, pure e prive di compromessi, nella sua struttura interna." Theodore W. Adorno "Misi di fronte a una finestra, vista dall’interno d’una stanza, un quadro che rappresentava esattamente la parte di paesaggio nascosta alla vista del quadro. Quindi l’albero rappresentato nel quadro nascondeva alla vista l’albero vero dietro di esso, fuori della stanza. Esso esisteva per lo spettatore, per così dire, simultaneamente nella sua mente, come dentro la stanza nel quadro, e fuori nel paesaggio reale. Ed è così che vediamo il mondo: lo vediamo come al di fuori di noi anche se è solo d’una rappresentazione mentale di esso che facciamo esperienza dentro di noi." René Magritte       La condizione umana (I e II) è il nome di due dipinti del pittore belga René Magritte, il primo ese

Il processo

"Davanti alla legge c'è un guardiano. Un uomo di campagna viene da questo guardiano e gli chiede di poter entrare nella legge. Il portiere però gli dice che ora non può permettergli di entrare. L'uomo riflette e poi chiede se allora potrà entrare più tardi. Può darsi, dice il guardiano, ora però no. Siccome la porta che dà accesso alla legge è aperta come sempre e il guardiano si sposta da un lato, l'uomo si curva per guardare, attraverso la porta, all'interno. Quando il guardiano se ne accorge, ride e dice: Se ti attira tanto, cerca pure di entrare malgrado il mio divieto. Stai attento però: io sono potente. E io sono solo il guardiano di grado più basso. Di sala in sala però ci sono guardiani uno più potente dell'altro. Già lo sguardo del terzo non posso sopportarlo neppure io. L'uomo di campagna non si era aspettato simili difficoltà, la legge dovrebbe pur essere accessibile sempre e a chiunque, pensa, ma ora che osserva meglio il guardiano nel suo mant

Umano e non umano

"Nella mappa del tuo impero, o grande Kan, devono trovar posto sia la grande Fedora di pietra sia le piccole Fedore nelle sfere di vetro. Non perché tutte ugualmente reali, ma perché tutte solo presunte. L'una racchiude ciò che è accettato come necessario mentre non lo è ancora; le altre ciò che è immaginato come possibile e un minuto dopo non lo è più." Italo Calvino "Quando non si è più bambini si è già morti." Constantin Brâncuși       A sinistra un arbusto stravagante sopra una lastra di terra e un incosueto ellissoide nell'azzurro di un cielo che è appena un'ipotesi, tutto di lucido e incorruttibile metallo.       A destra una figurina intermittente: tavole di legno sospese nell'aria per busto e gambe e una testa reclinata, che fa menzione di una scultura del grande Brancusi, con identica materia legnosa.        Umano e non umano o soltanto un'altra estenuante interpretazione della realtà? E ancora ombre lunghe, disegnate dai r

To Be or not To Be

"Qualche anno fa ho cercato di liberarmi di lui passando dalle mitologie dei sobborghi ai giochi col tempo e con l'infinito, ma quei giochi ora sono di Borges e io dovrò ideare altre cose. Così la mia vita è una fuga e io perdo tutto e tutto è dell'oblio, o dell'altro. Non so chi di noi due scrive questa pagina." Jorge Luis Borges "Il nostro gioco è finito. Gli attori, come dissi, erano spiriti, e scomparvero nell'aria leggera. Come l'opera effimera del mio miraggio, dilegueranno le torri che salgono su alle nubi, gli splendidi palazzi, i templi solenni, la terra immensa e quello che contiene; e come la labile finzione, lentamente ora svanita, non lasceranno orma. Noi siamo di natura uguale ai sogni." William Shakespeare       Come due amanti felici: una ballerina che sembra danzare come la marionetta di un carillon o un manichino, dalle vivaci espressioni del viso, che sfida la propria innata immobilità, e ancora, come due opposti incon

Ordo amoris

"Siedo accanto alla finestra inondata dalla luna osservando le montagne con le orecchie, ascoltando il torrente con occhi aperti, Ogni molecola predica una legge perfetta, ogni momento canta un vero sutra: il pensiero più veloce è senza tempo, un solo capello è sufficiente ad agitare il mare." Siddhartha Gautama "E tutto insieme, tutte le voci, tutte le mete, tutti i desideri, tutti i dolori, tutta la gioia, tutto il bene e il male, tutto insieme era il mondo, Tutto insieme era il fiume del divenire, era la musica della vita." Hermann Hesse       Il presupposto che i nostri sensi sperimentino una portata limitata della realtà è all'origine di questo breve video. Ad esempio la visuale della protagonista è quasi del tutto priva di colore, le cose appaiono in parte deformi, lo stesso movimento è riconducibile solo a schemi semplificati, mentre l'udito è praticamente assente: appena qualche rumore di fondo, simile ad un difetto di sintonia e

Radio Mexico

"Colui che finalmente si accorge quanto e quanto a lungo fu preso in giro, abbraccia per dispetto anche la più odiosa delle realtà; cosicché, considerando il corso del mondo nel suo complesso, la realtà ebbe sempre in sorte gli amanti migliori, poiché i migliori furono sempre e più a lungo burlati." Friedrich Nietzsche "D'altronde, sono sempre gli altri che muoiono." Marcel Duchamp       Marcel Duchamp, l'inventore dei ready-made , montò su uno sgabello una vecchia ruota di bicicletta, creando un'opera (non proprio bella) in cui l'oggetto rimaneva così com'era. Ovvero la sola scelta dell'oggetto diventa arte attraverso l'originale riproposizione di inedite forme espressive. Più in generale il dadaismo , corrente artistica nata a Zurigo durante la Prima guerra mondiale, si affermò per il rifiuto della ragione e di quella razionalità in cui credeva l'illuminismo di Voltaire, esaltando invece ciò che è privo di senso.       Ed

'A questione

"L'arte è magia liberata dalla menzogna di essere verità." Theodor L. W. Adorno       C'è un sentire ancestrale, una visione primitiva e profonda che è alla base di un forte legame tra musica, immagini, voci e parole. E queste sensazioni che ci accomunano si sono condensate in un video musicale dove, ognuno di noi, fedele alla propria lingua, ha tracciato un sentiero da attraversare e da continuare a com-prendere .       Pensieri convergenti, processi partecipativi di condivisione della conoscenza, ci offrono un modo per affermare e costruire i nostri comuni legami. Lungo questo sentiero procediamo uniti ricordando le parole di Michel Foucault: "Forse oggi l'obiettivo principale non è di scoprire che cosa siamo, ma piuttosto di rifiutare quello che siamo. Dobbiamo immaginare e costruire ciò che potremmo diventare." CATTIVO COSTUME Brano: 'A questione Album: Tiene Mente https://cattivocostume.wordpress.com Marco Milone: testo, musica,

Dissipatio H.G.

"Quello che per ogni altro sarebbe l'oceano della negazione, un orrore totale, io ci galleggio sopra in una barchetta di carta. Costruita con poche, mediocri, qua e là ironiche, idee generali." Guido Morselli, Dissipatio H.G. "Avrai perso metà di te e del mondo, ma l'altra metà rimasta sarà mille volte più profonda e preziosa. E tu pure vorrai che tutto sia dimezzato e straziato a tua immagine, perché bellezza e sapienza e giustizia ci sono solo in ciò che è fatto a brani." Italo Calvino, Il visconte dimezzato "Con la modernità, in cui non smettiamo di accumulare, di aggiungere, di rilanciare, abbiamo disimparato che è la sottrazione a dare la forza, che dall’assenza nasce la potenza. E per il fatto di non essere più capaci di affrontare la padronanza simbolica dell'assenza, oggi siamo immersi nell'illusione inversa, quella, disincantata, della proliferazione degli schermi e delle immagini" Jean Baudrillard, Il delitto perfetto.