Passa ai contenuti principali

Genesi


"Tutta la creazione è fantasia e illusione. La materia è un'illusione per il pensiero. Il pensiero è un'illusione per l'intuizione. L'intuizione è un'illusione per un'idea inalterata. L'idea inalterata è un'illusione per l'esistenza."
F. Pessoa

"Allora io,
rivoltomi da quella parte con i miei limpidi occhi,
contemplando quella figura informe e
percorrendo con lo sguardo il suo aspetto,
nient'altro che un ammasso nerastro di terra,
dissi: quello con il dorso prominente,
quello con la schiena curva e dentellata,
che raggiunge e fende il cielo?
Tanto distante di qui, brutto,
coperto di fumo, non produce alcun frutto,
né pomi, né uva, né dolci fichi:
è privo di alberi e di orti, oscuro,
tetro, triste, truce, vile, avaro.
Ma tu, sorridendo: eppure è mio fratello e mi ama,
e vuole bene anche a te.
Osservalo bene, dunque,
e non disprezzare le sue blandizie.
So che non farà niente che ti sia molesto,
e se non vorrai rimanerci ritornerai."

Giordano Bruno


    Il titolo genesi per questo breve video, costruito attraverso frammenti di immagini animate, è stata una scelta facile, quasi scontata, in quanto non è soltanto la rappresentazione visiva sull'idea di un "inizio" ma è anche all'origine di una nuova ricerca sui numerosi sentieri linguistici nel mondo dell'arte.

    Le capacità espressive dei linguaggi audiovisivi rapprensentano ad oggi un tramite fondamentale nella comunicazione, stimolano una continua e profonda riflessione sugli usi e sulle ampie possibilità che si aprono sul fronte della creatività.

    Personalmente sono anche il tentativo di una convergenza tra elementi più fortemente analitici e la stessa sintesi audiovisiva che si riassume in una tensione della durata mai superiore a qualche minuto.

    Negli aspetti analitici emerge la struttura formale di poche immagine di base, unita alla scansione temporale di alcune variazioni evidenziate da un metaforico cromatismo che oscilla fra trasformazioni quasi impercettibili e modifiche strutturali della stessa scena.

    La discontinuità visiva che si crea nell'azione dinamica di queste figure primigenie offre il connettivo per quella sintesi finale che si coagula in un gioco di sensazioni, immagini, suoni, trasformazioni e che apre le porte al dubbio, a variegate interpretazioni, a continue e suggestive domande su cui interrogarci.

    Una variazione sul tema di questa genesi, infine, prende spunto da alcune parole di Giordano Bruno, vissuto in gioventù non lontano dalle pendici del Vesuvio, per focalizzare maggiormente quell'idea di processo che è all'origine di ogni cosa: il vulcano come incisiva rappresentazione di potenza creativa pressochè infinita, inesauribile, pronta a dissolversi e rimodellarsi dalle proprie ceneri in un'evoluzione illimitata e continuamente mutevole.


Ti potrebbe anche interessare:
Sic transit gloria mundi

Commenti

Post popolari in questo blog

Problemi di sintonia

Sei amato solo dove puoi mostrarti debole senza provocare in risposta la forza. Theodore W. Adorno Ho sentito dire che a New York, all'angolo della XXVI strada e di Broadway, nei mesi invernali, ogni sera, c'è un uomo e ai senzatetto che si redunano pregando i passanti, procura un giaciglio per la notte. Con questo il mondo non cambia, le relazioni fra gli uomini non migliorano, l'epoca dello sfruttamento non è per questo più vicina alla fine. Ma a qualcuno non manca un giaciglio per la notte, il vento viene tenuto lontano da loro per una notte, la neve destinata a loro cade sopra la strada. Non deporre il libro che tu leggi, uomo. A qualcuno non manca un giaciglio per la notte, il vento viene tenuto lontano da loro per una notte, la neve destinata a loro cade sopra la strada. Ma con questo il mondo non cambia, le relazioni fra gli uomini non migliorano, l'epoca dello sfruttamento non è per questo più vicina alla fine. Bertolt Brecht       Tra le

Filosofia del mare

"Il mare e la filosofia condividono lo stesso movimento: incarnano la vita, le indicano una rotta." Cécile Guérard, Piccola filosofia del mare "Da dove vengono le più alte montagne? Così ho chiesto un giorno. E ho appreso che vengono dal mare." Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra       Occorre essere lucidi, liberi da ogni pensiero ingombrante, se si vuole evitare un naufragio in quei pochi istanti del videoclip dove si è in mare, dove il mare, mutato e silenzioso, si sottrae allo sguardo da terra e da cielo .       Qui, viceversa, lungo la riva o sospesi in più elevate visioni, il fragore delle onde, diviene emblema di affollati pensieri, frattura e discontinuità, ma anche una sorta di affrancamento da possibili finalità o di evoluzioni del sapere .       In occasione di un'intervista, il filosofo Michel Foucault descrisse lo spostamento della ricerca filosofica dal senso dell'essere al sistema , inteso come insieme di relazioni, ris

Il panorama dell'imperatore

"...una mesta atmosfera d'addio permeava le montagne dalla vetta ai piedi, le città con le loro lucenti finestre, le stazioni con il loro fumo giallo, i vigneti fin nella più piccola foglia. E io mi convincevo (per la seconda volta, dopo averne già avuto quasi regolarmente sentore fin dalla prima immagine) che per quella volta era impossibile sfruttare appieno tali meraviglie in quell'unica seduta." W. Benjamin, Infanzia berlinese       L'intenso, dolce e nostalgico frammento di Benjamin sul Kaiserpanorama , dispositivo ottico, precursore del cinema, che attraverso un paio di lenti mostrava un numero di diapositive di vetro stereoscopiche rotanti, offre l'occasione per qualche nuova ed ulteriore riflessione sul tema degli oggetti fotografici animati , già introdotti nelle pagine di questo blog.       C'è, infatti, un'idea di fondo che attraversa alcune delle clip realizzate e che si basa su una sorta di decostruttivismo dell'immagine fotog