Passa ai contenuti principali

Sulla Fontana di Duchamp e le tecnologie TTI


"Sia che la fede creatrice sia inaridita in me, sia che la realtà non si formi che nella memoria, i fiori che mi fan vedere oggi per la prima volta non mi sembrano fiori veri."
M. Proust

      L'orinatoio capovolto di Duchamp è probabilmente sia il ready-made più famoso dell'artista francese che l'opera d'arte più influente del ventesimo secolo. Prendendo, in questa sede, le distanze dall'idea di spostare l'attenzione e l'interpretazione artistiche dall'aspetto fisico a quello intellettuale, si vuole qui evidenziare un parallelo tra le opere dadaiste e quelle realizzate con tecnologie assistite da un agente artificiale, rappresentando entrambe un cambio di paradigma nel mondo dell'arte.
      Con TTI, ovvero text-to-image, si intendono quelle procedure, realizzate per mezzo di complesse architetture di reti neurali generative, che permettono, attraverso comandi testuali e non solo, la creazione automatica di immagini molto articolate: ci si ritrova così nuovamente di fronte a reazioni di entusiasmo da un lato e rifiuto dall'altro.
      Senza addentrarsi in complesse analisi estetico-filosofiche, che potrebbero essere parimenti applicate, ad esempio, anche alla fotografia, ci si limiterà a ricordare come qualsiasi strumento utilizzato, dal computer alla matita, è sempre un co-autore, inglobando una fitta ragnatela di conoscenze e tecnologie che sarà in costante simbiosi con l'artista.
      Ad emergere è allora quella diversa modalità del rapportarsi con tecnologie che richiedono di adattare il proprio linguaggio al suo, a quella natura sfuggente e impalpabile di questi strumenti e al conseguente rischio di lasciarsi facilmente manipolare dalla potenza espressiva di questi sistemi, senza riuscire a comprenderli pienamente e a controllarli.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il prodigio, il mostro, il daimon

La coscienza è il teatro, e precisamente l'unico teatro su cui si rappresenta tutto quanto avviene nell'Universo, il recipiente che contiene tutto, assolutamente tutto, e al di fuori del quale non esiste nulla. Erwin Schrödinger La coscienza non è una cosa tra le cose, ma è l'orizzonte che contiene ogni cosa. Edmund Husserl       Questo breve video è stato realizzato per celebrare IL PRODIGIO, IL MOSTRO, IL DAIMON , tema di Le Connessioni Inattese 2022 , manifestazione arrivata alla 16 edizione, organizzata dall'Associazione Culturale ALTANUR .        Cattivo Costume ne ha curato la parte musicale con un brano inedito, dove suoni di strumenti ancestrali e disegni vocali si intrecciano in un crescendo di sensazioni e vibrazioni interiori. Il connubio tra suono ed immagine ha lo scopo di far emergere nello spettatore visioni introspettive della propria coscienza.       Nel mondo antico si credeva che gli esseri umani avessero tre anime. La prima anima era con

Animated Photo (Su)bjects

"Io ero la radice del castagno. O meglio io ero, tutt'intero, la coscienza della sua esistenza. Ancora staccato da essa -poiché ne avevo coscienza- e tuttavia perduto in essa, nient'altro che essa. Una coscienza a disagio e che tuttavia si lasciava andare con tutto il peso, in equilibrio instabile, su quel pezzo di legno inerte. Il tempo s'era fermato: una piccola pozza nera ai miei piedi; era impossibile che venisse qualcosa dopo quel momento li. Avrei voluto strapparmi a quell'atroce godimento, ma non pensavo nemmeno che ciò fosse possibile; ci ero dentro; il ceppo nero non passava, mi restava li, negli occhi, come un boccone troppo grosso resta di traverso in una gola." Jean Paul Sartre        Animated Photo (Su)bjects , sintesi e reinterpretazione di alcuni post precedenti, è un cortometraggio in sette movimenti sul tema delle illusioni e delle fantasie visive. Dopo aver presentato un insieme di frammenti [Atto 1°] , si